Vincere l’ insicurezza

La fragilità e l’ insicurezza comportamentale

Questo post parla del’ insicurezza, della fragilità di carattere e del modo come vincere l’ insicurezza.

La parola ‘fragilità’ significa ‘facile alla rottura’. La distinzione da una personalità forte è che questa mantiene le sue caratteristiche di stabilità anche di fronte alle avversità.

 Una  persona fragile si smonta e si scoraggia rapidamente. Ha un carattere che si demoralizza e si smonta facilmente. Preferisce non fare, per non prendere responsabilità.

Un soggetto fragile è uno che si offende facilmente. E’ uno che si arrende alle difficoltà e il più delle volte, non porta a termine i suoi obiettivi.

Ha una bassa autostima, non crede in se stesso e si affida completamente agli altri. Ha alti e bassi dell’umore. Ora è tranquillo, fiducioso e sereno, ma dopo un po’, o dopo uno sguardo poco rassicurante, rinuncia, si abbatte, sta male e gli crolla il morale a terra.

Non prende iniziative per la paura di sbagliare. I rimproveri scottano e gli fanno molto male. Evita accuratamente di essere rimproverato.

E’ suscettibile  e si sente attaccato direttamente. E’costantemente sulla difensiva. A volte può arrivare ad avere reazioni esagerate e ad attaccare l’interlocutore per un motivo banale, perché basta poco a ferire i suoi sentimenti.

La fragilità porta spesso ad un basso controllo degli impulsi e a esagerate e immediate reazioni ostili.

Pensa che tutti l’ hanno con lui, che parlano male dietro e le attenzioni e le maldicenze sono sempre costantemente verso la sua persona. Si sente spesso fuori luogo, goffo e di peso. Squalificato e deriso. Non sa stare agli scherzi, perché lo fanno sentire inferiore. Appena può, fugge via.

Questo è un problema che angoscia e addolora sia gli uomini che le donne, provocando lo sviluppo di sensi di inferiorità, timidezza,chiusura in se stessi, isolamento,esclusioni e convinzioni che gli altri ce l’hanno con loro, fino alla formazione di una personalità paranoica.

Sicuramente è una personalità nevrotica. I conflitti interni sono profondamente nei nuclei profondi della personalità e provengono da un passato difficile.

Ha un carattere fragile perché in passato è stato spesso sminuito, preso in giro, deriso e beffato. Ogni cosa ricorda la sua mancanza di valore, la scarsa considerazione ricevuta e i rimproveri dei suoi genitori che non accettavano un figlio timido, inferiore, diverso e ‘buono a nulla’.

Questa persona sente di non avere diritto di essere apprezzato e di essere amato, pur avendone un disperato bisogno.

Sfiducia, bassa autostima, timidezza e senso di fragilità significa isolamento, solitudine, mancanza di amore, sensazione di scarso valore e convinzioni che gli altri ce l’ hanno con noi (Personalità evitante e paranoica).

Questo problema se non viene curato, col tempo, tende ad aumentare  non a diminuire.

Infatti il rapporto con gli altri sarà sempre più difficile, perché aumenterà in modo insopportabile la sfiducia in se stessi e negli altri, fino al punto di sentirsi tranquilli solo quando si è soli e lontano dagli altri.

Uno dei problemi più trascurati della fragilità caratteriale è costituito anche dalla convinzione della gente che queste persone sono dei deboli, che è colpa loro, che non ci mettono impegno e che sono degli incapaci. Insomma al danno anche la beffa.

Per andare fuori da questo pantano devi prendere consapevolezza del problema, portarlo dall’ inconscio alla coscienza, prendere alcuni accorgimenti e sviluppare nuove capacità.

Il motivo per cui fino ad ora non sei riuscito a sbarazzarti della insicurezza caratteriale nel corso degli anni è che stai adottando metodologie rivolte solo alla difesa e che continui a cercare chi incolpare (te stesso o gli altri) di questi problemi.

Basta con la tua fragilità

Ecco cosa devi fare:

1)     Prendere coscienza delle tue difficoltà, decidere di guarire e trovare chi ti può aiutare.

Se continui a fuggire, ad isolarti, ad incolpare te stesso o gli altri di queste difficoltà, sarai sempre dentro il problema, senza mai poterne uscire fuori.

Siccome la tua mente non può  de-sensilizzarsi da sola, non può cambiare da sola le convinzioni profonde e non può emettere nuovi programmi comportamentali, per proteggersi dalla sofferenza, continuerà a difendersi o ad attaccare. Anziché avvicinarsi agli altri alzerà nuove difese o fortificherà quelle esistenti.Scoprendo i motivi del tuo comportamento, acquisterai consapevolezza sulle tue debolezze.

2)      Rafforzando le aree della tua fragilità, la tua mente proverà meno paura nel rapporto con gli altri.

 

3)      Imparando nuove abilità, diventerai più capace di gestire i rapporti sociali.

Allora perché non iniziare ad avere fiducia? A vederti una persona nuova, serena con gli altri, fiduciosa e capace di gestire tranquillamente le relazioni amichevoli e affettive?

Nell’ Universo esiste una legge poco conosciuta, ma attiva e funzionante. Si chiama Legge dell’ Attrazione. Questa attira quello che normalmente pensiamo. Se pensiamo alle paure, a cose negative che possono accaderci, questa Legge attirerà proprio quello che temiamo.

Invece se pensiamo cose belle e positive, rapporti piacevoli con la gente, prosperità e affettività, la Legge dell’Attrazione attirerà tutte queste cose, senza alcun limite di quantità.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.